821esimo anniversario della morte di Gioacchino da Fiore. Il 25 marzo 2023 la quinta edizione del cammino da Borgo Partenope a Canale di Pietrafitta

È diventato uno dei cammini più significativi quello a Canale di Pietrafitta, che si terrà sabato 25 marzo 2023, con diversi punti di partenza. 
Un primo gruppo partirà alle 14.30 dalla frazione cosentina di Borgo Partenope (l'appuntamento a Cosenza è alle ore 14 in piazza Valdesi), il percorso a piedi è di 7,2 km.
Il gruppo "silano" partirà alle 15 dal convento di San Francesco di Paola a Pedace (il tragitto è di 5 km); i due gruppi si incontreranno alle 16.00 al Bivio Croce-Tignano; l'arrivo previsto a Canale è per le ore 17.30.
La grancia di San Martino di Giove a Canale di Pietrafitta è il luogo dove 821 anni fa, il 30 marzo 1202, ha concluso la sua esistenza Gioacchino da Fiore, prima monaco cistercense e poi fondatore del nuovo Ordine monastico dei Florensi. 
La piccola chiesa da qualche anno è stata totalmente ristrutturata ed è diventata meta di un cammino, voluto e sostenuto dall'Universitas Vivariensis, e dalle associazione Sguardi ecologici, Abate Gioacchino e La Città del Sole.
Per la partecipazione non è previsto nessun tipo di contributo, per avere ulteriori informazioni ci si può rivolgere a: Demetrio Guzzardi (347.4829232) e Lorenzo Coscarella (348.9164160) per il gruppo che parte da Cosenza; mentre per quello "silano" a: Francesco Scarpelli (377.9795500); Aurelio Morrone (338.3642010 o Peppino Curcio 348.3704702).

Proposta di legge: “Chi allizzica va in guerra”

Ripropongo, tra serio e faceto, un pensiero dello scorso anno.

Proposta di legge (se fossi parlamentare).
Primo firmatario Geniale Adacquacerze e altri

Titolo
"Se allizzichiamo*, armiamoci e partiamo NOI in prima linea, lasciando a casa i figli del Popolo"

Art. 1
In caso di venti di guerra, l'esponente di governo, il parlamentare, il segretario di partito, il giornalista, il sindacalista, l'imprenditore, insomma chi tra le persone in vista o influenti della Nazione inciti ad entrare in guerra, o che tramite l'invio di armi, o anche l'attuazione di sanzioni che possano ripercuotersi contro la stessa Nazione, di fatto, implichi un pericolo per l'Italia e per la Pace, e che violi l'articolo 11 della Costituzione, è obbligato, a prescindere dall'età, ad immediato arruolamento e spedito al fronte o nei teatri di guerra di maggior pericolo per la propria incolumità.

Art. 2
Chiunque non assolva all'arruolamento coatto, è punito per mesi 12 con la fustigazione giornaliera e nel contempo con quotidiana "cerrata" a mezzo ortiche.

Dato in Roma ecc.
Firmatario On. Geniale Adacquacerze

* Allizzicare: provocare, stuzzicare, ecc.

Il Presepe vivente di Aiello Calabro anno 2022, in una poesia di Franco Pedatella

Il Presepe vivente di Aiello Calabro anno 2022

Ѐ diventato quasi tradizione
fare il Presepe Vivente ad Aiello,
ove persone allegre e di buon cuore
riviver fan l’albór del Bambinello.

Le vie, le piazze, case abbandonate
ritornano a comporre la cornice
di quell’evento che tutto ha cambiato
nel mondo ov’eran solo orgoglio e guerra.

Mai l’umiltà, l’amor per il fratello.
Eran parole ai molti sconosciute.
Seguiva all’offesa la vendetta,
la piú crudél, la più soddisfacente

per quei che ritenévasi l’offeso
e all’offensor chiedéa riparazione.
L’idea non esisteva del perdono,
ma solo la vendetta più bestiale.

Con la venuta del Bambino santo
tutto cambiò: perdono ed umiltate
divennero parole dominanti.
Non si sentí piú il povero sprezzato

né il vinto uomo servo e dominato.
Fu all’uomo dignità restituita
e gli uomini tra loro affratellati.
Cosí fu un mondo nuovo preparato.

Da ogni angolo a questa idea attrezzato,
da ogni casa a festa addobbata,
dai personaggi sparsi per le vie, 
che pezzi della storia del paese

ricordano ed altri che riportano
al tempo dell’antica Palestina,
l’anelito si leva a un mondo santo,
che poi sarà dal Bimbo predicato.

Tutta la gente avanza in processione,
osserva le botteghe dei mestieri
antichi che animavano il paese,
da figuranti qui rappresentati

con naturalità eguale al vero,
ed i visitatori appassionano
facendoli tornare per incanto
al vero antico quivi rivissuto.

Entra nell’area al fine preparata
passando sotto l’arco a ciò approntato
con arte da un artista raffinato
che l’epoca romana ha qui ritratto.

L’emblema c’è, ci sono i centurioni
di tutto punto armati, alla difesa
pronti della città fortificata.
Cosí voleva Roma nei dominî.

C’è il pozzo, dove uomini e animali
spegnéan la sete di lor lungo andare,
nel luogo che una volta era chiamato
“U Làvuru”, dov’era una fontana.

C’è il falegname, il sarto, il calzolaio,
di sèggiole e di cesti il fabbricante, 
di pesci e alimentari il venditore,
di caldo “pane untatu” il fornaio;

le donne a lavar nelle tinozze
intente ed altre a stendere il bucato;
quelle al lavoro del telaio addette
ed a filar la lana con il fuso;

altre ancora intente a ricamare
tovaglie finemente lavorate
dove futuri ospiti saranno  
con generoso cuor sfamati e accolti.

Dal mantice si leva nero fumo 
e il fabbro batte il ferro arroventato,
mentre arrostisce il pesce calor lieve 
e mani delicate fan la pasta. 

Bracieri e attrezzi fatti con fin arte
esposti sono al gusto dei passanti.
S’affaccia intanto all’uscio il cantiniere,
che tien di vino in man bicchiere e fiasco,

pronto ad offrirne al gusto dei passanti
e di quel che tra lor si vuol fermare,
andando oltre l’assaggio, e soddisfare
la gola ed un buon pasto consumare.
Contento versa loro il vino nuovo
e scalda cuore e gola agli avventori.
L’agricoltore porta frutta fresca
da terra buona coltivata a mano.
 
Non mancano i “culluri” al focolare
fritti, perché alla gola sian graditi,
né il sapone a mano preparato
come da tradizion del tempo antico.

Aiello a Palestina s’è addobbato
fondendo tradizioni dei due luoghi
cosí come il Bambin qui fosse nato
nella Capanna posta qui alla Praca.

Sotto il castello del paese antico
l’accampamento è posto dei Romani,
gremito di soldati in gran tenuta
pronti a colpir l’assalitor nemico.

C’è il milite romano con la spada,
il sacerdote della vecchia legge
custode; c’è il console alleato
che rappresenta l’ordine romano;

Erode che si sente minacciato
da chi da poco nel suo regno è nato
e, per tenere il trono assicurato,
s’appronta a far la strage dei neonati.

La Sinagoga c’è, anche lo scriba
ch’è addetto e intento alle sue funzioni,
come a noi è stato consegnato
da antica e validata tradizione.

Palazzi antichi a giorno illuminati
con i giardini intorno sono il segno
che libertà, giustizia ed eguaglianza
nei cuori e nelle menti sono entrate

a costruire un mondo affratellato
dov’ogni privilegio è superato
e regna la concordia qual tra frati:
non c’è piú il ricco né il diseredato.

Questo messaggio vien dalla Capanna,
donde già splende luce del Bambino 
prima ch’Ei manifesti la parola
che al mondo annuncia la rivoluzione.

Pure il Palazzo Cybo Malaspina,
già sede di potenti dominanti,
s’è illuminato, segno ch’è cambiato
il mondo per l’arrivo del Bambino

e Piazza del Popolo, ‘A Praca,
è sede di Capanna illuminata.
Il segno non va sottovalutato:
giustizia ed uguaglianza han trionfato.

La gente avanza verso la Capanna,
che luce rigogliosa  sparge intorno
e illumina i luoghi ed il selciato
e gli animi spalanca alla speranza.

Un Angelo che illumina l’accoglie
e mostra quella santa mangiatoia
dove adagiato posa il Bambinello
dal bue e dall’asinello riscaldato.

Accanto son Giuseppe e Maria,
al fin del lungo viaggio riposati,
che al mondo mostran quel ben arrivato
Bambino ispiratór di un nuovo mondo.

Del mondo a lui s’inchinano i potenti;
oro, incenso e mirra qual regale
dono portano chini e generosi
per ossequiar nuovo ordine mondiale.

Aiello Calabro, 25 dicembre 2022
Franco Pedatella
Leggi la poesia anche sul Blog di Aiello Calabro e dintorni

‘A strina aiellise

‘A strina aiellise (di Franco Pedatella)

Sîmu tornati tanti a stu paise
ppe stare ‘n festa ‘nziemi ‘ntra stu mise,
ne sédere alla tavula a mmangiare
e stȃ ‘na picca allegri e ffissiare.

Me vene urdure ‘e fungi d’ ‘a muntagna.
Speriamu ca ‘un finisce sta cuccagna,
ppecchí d’ ‘a casa vene  ‘e za Maria
profumu ‘e pane e ccarne. Cchi gulía!

S’è rresbigliatu stu paise biellu,
‘un mande cchiú ‘a malaria ‘u Mariciellu:
campenu tutti ed ogne quatrariellu
sumiglie a cchistu santu Bumbiniellu.

Ppecciò curriti allu tavulatu,
‘ndo’ cc’è ssazizze, pane e ssuppressate!
Portati ‘e sutta ‘m  pundu ‘u magazzinu
chillu varrile ancore chjinu  ‘e vinu.

Ppe ffesteggiare stu biellu Natale
e ‘nnu Bon Annu nuovu v’agurare,
sîmu venuti cca ppe be cantare
sta strina ca intra ‘u core fa scialare.

‘E fimmine d’ ‘a casa sû  ‘e regine,
i quatrarielli àrmenu  ‘mbuine.
I patri, ca d’ ’a casa sû i regnanti,
‘a tenenu luntana d’ ‘i briganti.

Piglia  ‘a farina frisca d’ ’u mulinu,
fammícce tri tturdilli ccu llu vinu;
‘e mulingiane falle a ppruppette,
ca po’ me tiegnu ‘m piedi ccu llu vette.

‘U furnu de ddon Cicciu e Vvucaturu,
chillu d’ ‘A Praca senza stutaturu
‘mpúrnenu pane a ggara e a fuji fuji
ppe nne carmare ‘a fame a ttutti nui.

Vida ca ‘e castagne sû ccunchjute!
Fammícce quattru vallani vulluti!
‘U riestu fallu stare alla fiammella,
ca ne mangiamu puru ‘e roselle!

‘Mbísc-checce puru i rangi  d’ ‘A Cappella,
fammílli benedî d’ ‘a Madonnella,
e i pimmaduori de sta Macchja bella,
ppe mm’ ínchjere de cchjú sta panzarella!

Portame puru ‘u piattu d’ ’e surache!
Sulu a penzare, ‘u core mi s’annache.
Ma cotte intr’ ‘a  pignata de Vurjile!
 Mi nde mangiasse quantu ‘nu vacile.

Ppe mme sciacquare ‘a vucca  ‘nu momentu,
‘na guccia d’acqua cacce ogne tturmientu.  
 M’ ‘a puorti intra chillu cucumiellu
de grita de Vurjile ch’íe dd’Ajíellu!

‘A nive è scisa già ‘mberu ‘A Zinetta.
Curra a mme fare priestu ‘a sciribetta!
‘U miedicu ‘u salutu de luntanu,
le dicu “bonasira” e vaju chjanu.

E nnun te riscordare d’ ‘i viscotta,
ca mi nde mangiu tri tutti a ‘nna botta!
Te raccumandu, chilli de Melina,
ca i miegli sû dd’ ‘i munti alla marina.

Si po’ ‘nu piattu puorti ‘e cullurella,
i nuozzuli de puorcu d’ ‘A Ricella,
crucette e fficu sicche d’ ‘u casciune,
passamu ‘na sirata de barune.

Ccu ttuttu stu mangiare c’ȃmu fattu
‘u miedicu ‘un ne serbe all’intrasatta.
Anzi, ‘u sapiti chillu ca ve dicu?
“Miedici e mmedicine mi nde fricu”.

Chjudimu, cari amici, ccu ‘i saluti,
ca pane e binu ‘u stomacu hȃnu inchjutu,
e b’aguramu n’ annu ‘e cuntentizze
e cc’ogne jjúornu ‘a manu ‘u fuocu attizze!

Dopu chista mangiata e lla vivuta
ve dugnu ‘a bonanotte ccu ‘nnu vutu:
‘n’ atr’annu tuornu cca ccu lla curuna
e b’àguru ppe mmo’ bona furtuna.

Ajíellu Calabru, ‘u trenta de dicembre d’ ‘u duimilaebintidui
Franco Pedatella
Leggi la poesia anche sul Blog di Aiello Calabro e dintorni

Il programma CAI Cosenza per il 2023

Reso noto il calendario CAI Cosenza per il 2023. Di seguito, il messaggio del presidente R. Mele.

Carissimi socie e soci, è con piacere che mi accingo a scrivervi per presentare il programma delle attività sezionali del 2023.

Prima, però è bene fare un consuntivo dell’attività svolta nel 2022.

Anche questo è stato un anno con un po’ di problemi interni ed esterni che, con tanto impegno e buona volontà, sono stati risolti o sono in via di risoluzione.

Il programma, in linea di massima, è stato rispettato, e quindi è doveroso rivolgere un grazie di cuore ai nostri Titolati e a tutti i Soci che, con grande spirito di appartenenza, hanno dato il massimo a che tutto si realizzasse nel migliore dei modi.

Un grazie di cuore va ai due coordinatori ed estensori del programma: Carmine Sproviero e Dante Volpintesta.

Con altrettanto piacere cito i responsabili del progetto “Montagna Terapia”: Candida Mastroianni, l’AE Franco Romano e l’associazione “ONCOrosa”; è, questo, un progetto che ha dato tanto lustro alla nostra Sezione, anche perché siamo l’unica Sezione calabrese ad averlo realizzato.

Vorrei ancora citare e ringraziare i responsabili del progetto “Family CAI”: Francesco La Carbonara e Maria Talarico che tanto impegno hanno profuso con i nostri ragazzi.

Mi complimento con la redazione del giornale “Il Sentiero” che continua il suo cammino raccontandoci eventi interni ed esterni alla nostra sezione e auspico che la collaborazione tra i Soci sia sempre più partecipata.

Il “Gruppo Sentieri”, guidato dall’ AE Luigi Patitucci, ha mirabilmente mantenuto e tracciato nuovi e interessanti sentieri.

Infine, ringrazio l’associazione ” Mistery Hunters” nelle persone di Annachiara Mele e Alfonso Morelli, per averci fatto conoscere luoghi a noi sconosciuti, ampliando il campo di interesse delle attività sezionali.

Il programma 2023 segue le linee guida del programma 2022: ove possibile si è lasciata una domenica libera e, per le escursioni settimanali, si è cercato di tener conto di tutte le esigenze delle diverse fasce di soci della nostra Sezione. Andremo ancora alla scoperta dei nostri borghi montani e non, si ripeteranno i progetti di “Montagna Terapia” e “Family CAI” e si ripeterà la collaborazione con l’Associazione “Mistery Hunters”.

Si è cercato, come sempre, di fare del nostro meglio per dare alla nostra Sezione un programma equilibrato e completo, che potesse soddisfare le aspettative di tutti i nostri Soci, ricordandovi che per noi saranno sempre importanti i vostri consigli per farci migliorare sempre di più.

Excelsior!!

Roberto Mele

Per quanto riguarda il territorio di Aiello Calabro, Cleto, Grimaldi e Lago, sono state proposte delle escursioni, accolte e inserite nel calendario 2023 che vi elenchiamo di seguito.

° Sabato 2 settembre 2023
Catena Costiera: Anello da Romitorio a Monte Scudiero e Monte S. Lucerna – Grimaldi (CS)
A cura della sottosezione CAI di Mendicino
in collaborazione con la Proloco di Grimaldi
Difficoltà T/E
(Nicola Lio – Bruno Pino - Giovanni Fata – Giuseppe Presta)

° Sabato 16 settembre 2023
Catena Costiera: Risalita del fiume Eliceto - Lago (CS)
A cura della sottosezione CAI di Mendicino
in collaborazione con I Camminanti di Lago e i Laghitani nel Mondo
Difficoltà T/E
(Francesco La Carbonara - Bruno Pino - Francesco Mazzotta - Giuseppe Cino)

° Domenica 5 novembre 2023
Catena Costiera: Foliage su Monte Faeto e S. Lucerna – Aiello Calabro e Grimaldi (CS)
A cura della sottosezione CAI di Mendicino
in collaborazione con Sigea Calabria e Comune di Aiello Calabro
Difficoltà T
(Francesco La Carbonara – Bruno Pino - Gaetano Osso)

° Domenica 26 novembre 2023
Catena Costiera: Anello Aiello Calabro – Cleto (CS)
A cura della sottosezione CAI di Mendicino
in collaborazione con Sigea Calabria, Comune di Aiello Calabro e Associazione La Piazza Cleto
Difficoltà T/E
(Francesco La Carbonara - Bruno Pino - Ivan Arella - Gaetano Osso)