Un ricordo in poesia di Oreste Signorelli

Da Franco Pedatella, riceviamo e postiamo.

Per il professore Oreste Signorelli.

Onora, Amantea, i figli tuoi,
specie se meritevoli di affetto
perché hanno dato lustro agli anni tuoi
ed han guidato i giovani e corretto!

Tra lor c’è anche Oreste Signorelli,
di tanti alunni guida e professore,
venuti al Liceo da giovincelli
e di saper poi ricchi in mente e in cuore.

Or li ha lasciati col dolore in cuore,
ché ascendere su in ciel fu il suo destino,
ma intorno sparge ancor sapere e amore,

giovialità per chi gli fu vicino,
mentre il sorriso il labbro ancor gli move
e avvinti l’amicizia a lui ci tiene.

Amantea, 1° febbraio 2022
Franco Pedatella

Per Claruzzo Segreti che ha chiuso l’edicola

Da Franco Pedatella riceviamo e postiamo.

Per Claruzzo Segreti che ha chiuso l’edicola.

Torno da Roma e trovo la notizia:
Claruzzo i giornali piú non vende.
Mi toglie questo annuncio ogni delizia
e tristi il guardo, il cuor, la mente rende.

D’incontro e scontro, ma ritrovo grato
era il negozio, di vie e idee incrocio.
Di salde idee Claruzzo sempre armato
la guerra combattea con buon approccio

di modi a volte duri ma affettuosi,
e sempre con gentile piglio amico,
quai son talora i torbidi marosi
che a riva impulso cessano nemico.

Accanto avéa la dolce e cara sposa,
Maria, che con modi assai garbati
sapéa far sí ch’ei giusta avesse posa
nel sostenere i duoi princípi amati.

I due fratelli stavangli vicino:
Franco, di note musicali autore,
e l’altro, lo storiografo Cenzino.
L’edicola era al centro d’attenzione.

La foga or viene meno del guerriero
e tace quella voce penetrante.
Tutta Amantea se n’ duole e il circondario,
perch’ella di passione luogo ardente

era civil, politica e morale.
Vi s’incontravan viri di pensiero,
che disponean dibattito leale
sí che ciascun dell’altro andava fiero,

e tanti poi comuni cittadini,
lavoratori ansiosi di sapere
ogni mattina a lor quali destini
voleva riservar chi avéa il potere;

e ad esser s’apprestavan sempre pronti
al giorno della lotta e alla riscossa,
allór che i comunisti dirigenti
per lor suonato avrian “Bandiera rossa”.

Aiello Calabro, 15 gennaio 2022
Franco Pedatella

Una poesia per Giulio di Malta, di Franco Pedatella

Riceviamo da Franco Pedatella un componimento a ricordo di Giulio di Malta.

Ppe Giuliu ‘e Mavuta.
(Ppe Giuliu Di Malta).


Jíe ppe lle vie parole a rruozzulare,
ca de l’anticu avissenu ‘u sapure
ed allu core sânu ben parrare
e ccose belle sânu ricordare;

ppe lle campagne ràdiche ‘e pittare
e ggrita ppe ffigure belle fare,
c’avissenu i culuri d’ ‘a natura
e all’uommini parrassenu intr’ ‘u core.

‘U riestu d’ ‘a jurnata po’ ‘u passave
a ccecaliare ccu ll’amici ‘e core;
e ppo’ passave all’arte d’ ‘u pitture:
culuri ccu ppinnielli sapíe usare.

Senza cravatta, ccu giacca e ccappottu
jíe. Curríe appríessu sempre a ‘nnu pallune
e ssempre rimaníe ‘nnu giuvenottu
e ffrisca manteníe chista passione..

Mo’ ‘u chjangenu i tifosi juventini
ch’illu teníe allegri e ccumbattivi,
pronti a zumpare quandu i bianconeri
‘n classifica d’ ‘e squatre erenu i primi.

Vulíe nun sulu vídere jocare,
ma puru ‘u pallune palleggiare
e ppo’ intr’ ‘a porta ‘u biellu gollu fare
dopu c’avíe aspettatu ‘u traversune.

Priestu ‘a matina ccu stivali e ccane,
fucile in spalla e ccartuccera chjina,
jíe, dopu ‘a sirata alla cantina
ccu ll’atri cacciaturi a ffare ‘u pianu

ppe lla battuta ‘e caccia d’ ‘a matina,
‘ndov’unu cc’ere i passi a ccumandare
c’avíe dde fare ‘a squatra a puntinu
ppe acielli e ppuorcuspini precurare.

‘Ntr’ ‘u core ‘a Tyllesium, dintra ‘a mente
‘a bella e ccara squatra d’ ‘u Cusenza
ch’ illu seguíe tifosu e dirigente
ccu acqua, sule, nive, friddu e bientu.

D’ ‘e cose antiche ere ‘nnammuratu:
dunare allu Comune ‘u castiellu
vulíe ppe ‘nn’ attu biellu ‘n core natu,
quandu ere io sindacu d’Ajìellu;

‘u sulu ‘mpegnu ca m’ha ddumandatu
ere ca rimanisse ‘nnu castiellu;
e cchista è lla risposta ch’io l’haju datu:
“A nnozze tu me fai ‘nu ‘mbitu biellu”.

C’è statu po’ legale ‘mpedimientu,
ppe cchistu ‘u fattu biellu ‘un s’è ccunchjusu,
ma l’attu generusu d’ ‘u momentu
m’ ‘u puortu dintra ‘u core scrittu e cchjusu.

L’aspette mmo’ l’amicu suo Toninu
Citrignu ppe pparrare ‘e pinnellate
e rriproporre llà ‘ndo’ ‘u cielu è ffinu
“Nuova Comunità” ppe lli Beati.

Mo’ sû ffermate ‘e manu e lle parole,
nun guardenu cchjú ll’ uocchji cielu e mmare,
ma ogne ppersuna ch’ ‘i racconti move,
ogne vallune d’ ‘e poesie e cchjanuoru

parre e nne cunte ‘a storia ca l’autore
l’ha mmisu ‘m bucca o ha ddatu ‘n cuorpu e fforma
e Giuliu torne a scrivere e a ppittare
dunandu a nnumi e a pposti vita curma.

Aiello Calabro, 1° gennaio 2022
Franco Pedatella