“Poeti della Terra, la Calabria narrata”. Il festival del Rinascimento calabrese da maggio a settembre

AIELLO CALABRO (CS) – Si chiama “Poeti della Terra. La Calabria narrata”, un festival di lunga durata che abbraccia la primavera e l’estate di uno dei borghi più suggestivi e forse non abbastanza conosciuto per come meriterebbe. Saranno il teatro comunale, le piazze storiche e i luoghi particolari di Aiello Calabro, paesino in provincia di Cosenza, posto tra mare Tirreno e monti della Catena Costiera, ad ospitare questa kermesse pensata e diretta da Angelica Artemisia Pedatella, e realizzata in virtù del contributo finanziario della Regione Calabria (Dipartimento Sviluppo economico e Attrattori Culturali – PAC).
Dal 29 maggio prossimo e sino al 24 settembre, artisti, scrittori, esperti si alterneranno con spettacoli e concerti, laboratori, eventi letterari e culturali, per lo più distribuiti nei fine settimana per attrarre non solo spettatori ma anche visitatori e curiosi ai quali far conoscere anche l’essenza, i profumi, i sapori di questa terra di Calabria. Le attività sono numerose e in grado di soddisfare una platea ampia di pubblico dalle diverse esigenze.
«Da quando ho fatto rientro in Calabria, poco meno di due anni fa – dichiara il direttore artistico Angelica Artemisia Pedatella – ho sempre avuto chiaro che il mio obiettivo doveva essere raccontare la verità di questa terra bellissima e grandiosa e questo festival oggi mi dà l’opportunità di farlo insieme allo staff di professionisti e persone meravigliose che mi sta affiancando. Non si tratta del solito festival, ma di un evento a lunga gittata con tematiche pensate accuratamente, una selezione di artisti che sicuramente si amplierà, perché le risorse umane di questa regione sono davvero tante e importanti. Siamo tutti chiamati a diventare “poeti” della nostra terra e, sulla scia del lupo, simbolo della Calabria, siamo chiamati a difenderla. La Calabria ha qualcosa di straordinario e selvaggio, proprio come il lupo, e come lui è un bene da difendere e preservare. Il lupo che ulula alla luna è una figura ancestrale che ci appartiene, è il primo poeta. Per questo oggi è il simbolo di questo festival e ne sarà anche protagonista in una giornata speciale che stiamo organizzando. Devo ringraziare l’Amministrazione comunale di Aiello Calabro, per tutto il lavoro che si sta svolgendo, e chi ha dato la prima fiducia ad un progetto culturale del genere per Aiello Calabro, il sindaco uscente Franco Iacucci, con il supporto del suo vice Luca Lepore, che ringrazio per la sempre grande disponibilità a immaginare il meglio. E poi, il mio ringraziamento affettuoso particolare va all’assessore alla cultura Olga Terranova per la serietà, la dedizione, la tenerezza con cui ci è stata accanto durante la lunga fase di gestazione di questo festival e per l’immenso lavoro amministrativo che sta svolgendo perché questa macchina possa partire. Ci sarà tempo e spazio per ringraziare le preziose persone che stanno realizzando questo sogno.»
Il Festival “Poeti della terra” è parte dell’ampia programmazione culturale innovativa chiamata “Rinascimento calabrese” che il team BA17, guidato dalla stessa Angelica Artemisia Pedatella, porta avanti in sinergia con associazioni, comuni, enti pubblici e privati, esperti e artisti dell’intero territorio calabrese, per un chiaro rinnovamento dei contenuti narrativi sulla Calabria ed una nuova visione della sua cultura e identità.
Si parte dunque il prossimo fine settimana con la sezione “Voci del Sud”. Domenica 29 maggio sarà Daniele Fabio a calcare le pedane del teatro comunale con “Istantanee dal Mediterraneo”, con Rino Amato (voce narrante) e Matteo Callà (chitarra ospite). Daniele Fabio, giovane chitarrista e compositore dal curriculum internazionale, è un raffinato interprete dalla vitalità intensa e ci fa conoscere attraverso la sua musica la tradizione di una terra incontaminata, tra composizioni autoriali e arrangiamenti di musiche tradizionali. L’ingresso è gratuito. Gli organizzatori, inutile rimarcarlo, si aspettano il pienone per lo spettacolo e anche per vedere rianimate vinelle e piazzette del bel centro storico.

La locandina
Poeti della terra, la Calabria narrata
Il festival che ospita Aiello Calabro dal 29 maggio al 24 settembre 2022.
Spettacoli, concerti, laboratori, eventi letterari e culturali.
Direzione artistica Angelica Artemisia Pedatella

#PoetiDellaTerra #BA17 #RinascimentoCalabrese #AielloCalabro #LaCalabriaNarrata #RegioneCalabria #ComunedDiAielloCalabro #Cultura #Storia #Teatro #Turismo #TurismoLento #BeniCulturali #Calabria #Museo #PiazzeStoriche #PalazziStorici #PaesiDiCalabria #BorghiDiCalabria #AjìelluìeAjìellu #HiHello 
#AngelicaArtemisiaPedatella
I social dove seguire "I Poeti della Terra"
Sito Web
Pagina Facebook
Profilo Instagram
Profilo Twitter
Canale YouTube

Notte dei Musei 2022, visita al Museo Diocesano di Cosenza

Sabato 14 maggio, per la #NotteDeiMusei2022, abbiamo fatto i portoghesi e ci siamo imbucati in una visita del Museo Diocesano di Cosenza, guidati dal suo direttore don Salvatore Fuscaldo, che ringraziamo. Seguono le foto – scattate col telefonino – delle opere d’arte in esso custodite, molte delle quali di grande valore. Per saperne di più, vi rimandiamo al sito web Museo Diocesano di Cosenza.

Album fotografico (Google foto)

San Geniale 2022, la processione dell’otto maggio

Dopo il rinvio del primo maggio, domenica 8 si è svolta dopo due anni di pausa per la pandemia, la tradizionale processione in onore di San Geniale, Patrono della Cittadina dal 1668. Postiamo foto e video. Viva San Geniale!

Album foto