Perché non digitalizziamo il Cimitero di Aiello Calabro?

Il Cimitero di Aiello Calabro

Domenica pomeriggio (6 marzo 2022), ho fatto una breve visita al cimitero di Aiello Calabro per salutare parenti e amici.

Mentre camminavo tra le tombe, ho pensato che tra qualche anno, come è già successo con le vecchie sepolture i cui resti sono stati raccolti in un ossario, si perderà memoria di chi ci ha lasciati decine e decine di anni fa. E allora, ecco una piccola idea per tramandare il ricordo dei nostri defunti.

Perché non digitalizziamo ogni singolo trapassato? Basterebbe fotografare ogni tomba, la foto del deceduto e i suoi dati da immettere in un database. Si potrà fare magari nel prossimo futuro con un progetto di servizio civile dedicato a questo compito.

Ho chiesto cosa ne pensassero il Comune di Aiello e gli Aiellesi nel Mondo in un post nel gruppo Facebook “Aiello Calabro (Cs)” e per molti iscritti l’idea è certamente da attuare. Del resto, anche nel vicino comune di Lago sono già all’opera da tempo. In aggiunta, l’amico Pino Cino, dei Laghitani nel Mondo, mi ha segnalato che c’è un sito che si chiama “Find a Grave” in cui la pagina sul cimitero di Aiello è stata già creata mesi fa dal dott. Francesco Gallo e quindi non resta che organizzarsi per implementarne il contenuto ed al contempo creare anche un proprio database col numero di tomba, coordinate, foto, dati e annotazioni varie.

Pubblicato da

Bruno Pino

Journalist, Blogger & Local History Researcher, Aspiring Photographer.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...