Perché il Sud non è una polveriera. Il nuovo libro di Alfonso Lorelli

Il 6 di novembre prossimo, a partire dalle ore 18, presso l’hotel Mediterraneo di Amantea, l’on. Agazio Loiero ed il prof. Vincenzo Rizzuto presenteranno il libro di Alfonso Lorelli “Perché il sud non è una polveriera”, edito da Erranti Edizioni di Cosenza. Introdurrà la dottoressa Maria Cuzzilla. 
Il tema che l’autore propone al lettore è la ricerca delle ragioni storiche che hanno impedito ed impediscono alle popolazioni del Mezzogiorno la formazione e l’azione organizzata di un ribellismo sociale diffuso ed unificante, al fine di dare soluzione all’eterna questione meridionale che sembra ormai dimenticata da tutta la classe dirigente degli ultimi vent’anni.
Partendo dallo sciagurato progetto di autonomia differenziata chiesto da alcune Regioni del Nord che, pare, nessun governo voglia contrastare radicalmente, l’autore ripercorre sinteticamente alcuni momenti del ribellismo sociale meridionale post-unitario ricercando le cause- endogene ed esogene- che ne hanno determinato la sconfitta: il brigantaggio, il combattentismo del primo dopoguerra, le lotte per la terra, il tentativo di ribellismo sociale degli anni settanta del Novecento. Da quelle sconfitte quale lezione possono ricavare le popolazioni delle Regioni meridionali? Quali nuovi itinerari possono seguire i cittadini del Sud per uscire dall’eterna palude nella quale sono immersi? Perché il Sud, irretito da una propaganda falsa e bugiarda diffusa dalla borghesia del nord attraverso i suoi referenti politici ed i suoi potenti mezzi di comunicazione, non riesce ancora a capire qual è il proprio futuro prossimo a sorgere? perché non riesce a trasformare la rabbia individuale in un vasto e dirompente movimento di lotta? Alla luce della storia passata e presente costruire un nuovo ribellismo sociale vincente e di massa nel Mezzogiorno sembra essere la sola strada possibile per uscire dagli equivoci e fermare le continue rapine delle sue risorse umane e materiali. Con quale “cemento” e come costruire questa strada rendendola percorribile è compito sempre più impellente delle nuove generazioni di meridionali. 
Quasi a voler supportare le tesi sostenute nella prima parte, l’autore ripropone nella seconda parte del libro numerosi articoli di giornale da lui scritti nel corso degli anni ed i cui problemi trattati vanno necessariamente “letti” nella loro collocazione temporale, senza mai dimenticare le scelte culturali e politiche dell’autore medesimo perché il pensiero e l’azione di ogni uomo sono sempre condizionate dalle preoccupazioni, dalle passioni, dalle storie personali, dalle vibrazioni dell’animo.

"Riciclando, Addobbando, Illuminando”. L'iniziativa della Proloco per il Natale sotto il segno dell'ecologia

Riceviamo e postiamo
Quest’anno vogliamo dare al Natale un significato anche etico puntando al riciclo delle bottiglie di plastica che sono una delle principali fonti di inquinamento dell’ambiente. Per questo abbiamo pensato di mettere in campo il progetto “Riciclando, Addobbando, Illuminando” perché pensiamo che anche con comuni rifiuti si può realizzare Bellezza!
Per questo abbiamo bisogno della collaborazione di tutta la popolazione che invitiamo a deporre le bottiglie di plastica vuote davanti la sede della Pro Loco.
Con queste realizzeremo, come avviene in molte città d’Europa, un bellissimo albero di Natale in plastica da collocare in Piazza Municipio e altri addobbi natalizi che, illuminati, saranno posti lungo uno dei nostri suggestivi vicoli.
Negli anni a venire immaginiamo che tutto il paese possa essere decorato grazie al riciclo creativo.
Possiamo riuscirci solo se tutti insieme ci impegniamo per il bene dell’ambiente e per la bellezza di Aiello.
Per questo vi aspettiamo numerosi (insieme a numerose bottiglie di plastica) ad un incontro organizzativo previsto per MERCOLEDÌ 30 OTTOBRE ALLE ORE 21,30

Giro d'Italia 2020. Falso allarme, la corsa rosa non passerà da Aiello

Appena un paio di giorni fa, in vista della presentazione ufficiale di oggi pomeriggio a Milano, era circolata voce che la tappa del 15 maggio, da Mileto a Camigliatello sarebbe passata anche per Campora, Serra, Aiello, Lago ecc. Ma lo spoiler è stato impreciso.

Ecco Dante, un software che supporta le redazioni dei siti di informazione sul turismo

Unire le tecnologie per creare uno strumento utile alle redazioni dei siti di informazione turistica per migliorarne i contenuti e l’esperienza degli utenti, attraverso l’utilizzo dell’Intelligenza artificiale e dei Big Data.
Si chiama DANTE (Data Analysis for Tourism Experience) ed è il nuovo software realizzato da Altrama Italia – in partenariato con il DIMES (Dipartimento di Ingegneria Informatica, Modellistica, Elettronica e Sistemistica dell’Università della Calabria) e il Laboratorio di Scalable Computing & Cloud – in grado di rivoluzionare il mondo dei viaggi e del turismo che, attraverso l’analisi dei dati, colma un vuoto nella creazione dei contenuti editoriali.