San Geniale 2019. La comunità si prepara alla festa del Patrono di Aiello Calabro che si svolge domenica 5 maggio. Ecco il programma delle iniziative religiose e civili

San Geniale 2019. La comunità si prepara alla festa del Patrono di Aiello Calabro che si svolge domenica 5 maggio. Ecco il programma delle iniziative religiose e civili

Verso le Comunali 2019. Ad Aiello Calabro non si presenta la terza lista. Stesso copione delle passate consultazioni

Le due liste “avversarie”

AIELLO CALABRO – Nei mesi scorsi si era registrato un certo interesse per formare una lista alternativa all’attuale maggioranza guidata da Franco Iacucci, più volte sindaco, ma anche in questa tornata si è ripetuto il copione delle scorse consultazioni con due compagini presentate ufficialmente nel pomeriggio di venerdì 26 aprile, che nascono dallo stesso entourage politico. Una manovra “necessaria”, per non invalidare le elezioni se non dovesse votare, come è facile che succeda, il 50% più uno degli aventi diritto.

Ieri mattina a mezzogiorno, alla scadenza ufficiale, la conferma che il terzo competitore alle elezioni del 26 maggio p.v. non ci sarà. Eppure, sino a qualche giorno fa, era data per sicura la formazione di una squadra con Adolfo Civitelli candidato a sindaco, in passato già consigliere di minoranza in seno all’Assise civica aiellese. E abbiamo notizia di almeno altri due giovani capolista che però nel giro di poco hanno preferito astenersi. Le ragioni sembrano essere legate a disaccordi tra i promotori. Fatto sta che, come per le comunali della primavera 2014, quando non si presentò Alleanza di Progresso, movimento che aveva controllato l’attività amministrativa per due consiliature, non ci saranno veri avversari. Segno forse di uno scarso interesse della comunità e dei giovani in particolare, quelli che non sono emigrati, a prendere parte attiva nel governo del comune. Certo è che un ricambio politico-generazionale, qui come altrove, sarebbe opportuno, ma è un appuntamento rinviato a data da destinarsi.
Le due liste in campo sono dunque “Uniti per Aiello” guidata dal sindaco uscente Franco Iacucci, e “Progetto Comune” con a capo Gaspare Perri, attuale vice sindaco. Esclusi i candidati a primi cittadini, i componenti della prima sono 10, di cui 4 donne, e 6 uomini, 3 uscenti e 7 neo candidati, mentre per “Progetto Comune” sono 7 gli aspiranti amministratori, di cui 2 donne, e 5 neofiti.
Gli aventi dritto al voto del piccolo paesino tirrenico sono 2741, di cui 1318 iscritti all’Aire, ossia 1423 residenti e votanti. Alle comunali del 25 maggio 2014 era stato raggiunto solo il 38,26% (su 2807 aventi diritto, solo 1074 cittadini votarono). In quell’occasione, l’attuale sindaco vinse con il 95% contro il 5% di Perri che nel primo consiglio venne nominato vice. Un risultato bulgaro, scontato e prevedibile pure per le prossime urne.
Vedremo a breve il programma amministrativo che, verosimilmente, si prevede incentrato per gran parte sui lavori pubblici.
Rassegna stampa – Il Quotidiano del Sud 28 aprile 2019, pag. 21