Si vince il malcostume. Poesia di Franco Pedatella dedicata a Bersani

Courtesy of Wikipedia

Si vince il malcostume.
(A Luigi Bersani)
Si vince i malcostume, o mio Bersani,
se candidando vai quel che a piè nudo
calcando va il sentier tra la sua gente,
né si profuma quando al borgo entra.
Non ha cravatta, ché da farsi bello
non ha tra quei che incontra, e non conosce
nulla che lo svergogni o gli sia peso,
anzi è gradito, atteso e riverito.
Luce sa far di sé quando frequenta
le vie, le case, le botteghe e piazze,
perché col cuor dispensa buon consiglio,
le conoscenze dona e non fa merce
di quel che sa. Non vuole scorte, solo
gli amici gli son presso a sua difesa.
Perciò va’ per le strade, mio Bersani,
e cerca tra la gente cui il potere
vuol dir servire! Cerca il candidato
in mezzo a lor! Vedrai che questo c’è.

Franco Pedatella, Cleto, 26 settembre 2012

Il cimitero di Stoccolma, patrimonio dell'Unesco, dove si celebra il giorno dei defunti

Ponte da brivido: il 3 novembre il cimitero patrimonio dell’Unesco, Skogkyrkogården di Stoccolma, si veste di migliaia di luci per celebrare i defunti. Una ricorrenza da non perdere per vivere la magia della notte in un’atmosfera intima e raccolta.
In Svezia Halloween non ha le zucche. Neppure fantasmi e zombie. E forse neppure Halloween come lo intendiamo noi. Neppure il giorno corrisponde al 31 ottobre. La notte dedicata al regno delle tenebre è il primo sabato di novembre, che quest’anno cade il 3 novembre. In questa data vengono ricordati i morti e la tradizione vuole che dopo il tramonto le persone vadano nei cimiteri a deporre ghirlande fatte di pino e candele creando un’atmosfera unica nel suo genere. Un viaggio singolare ma che permette di apprezzare e conoscere la Svezia e le sue usanze più autentiche. In particolare, da segnalare ai turisti c’è la visita a Skogskyrkogården (che significa “Cimitero nel Bosco”), un cimitero progettato dall’architetto Gunnar Asplund nel 1917: un tale capolavoro che dal 1994 è patrimonio mondiale dell’UNESCO per la sua particolarità ed unicità: questo cimitero è in mezzo a un bosco di pini esteso per 100 ettari. Entrando si è avvolti da un’atmosfera suggestiva: conifere secolari, profumo di resina, silenzio profondo e lapidi disposte ai piedi degli alberi. E se poi si aggiunge il buio, il respiro si ferma per qualche secondo. Commozione e stupore si mescolano. La cerimonia è autentica e profondamente sentita. A Skogkyrkogården si riuniscono migliaia di persone che lasciano le loro candele e le ghirlande di pino e si fermano in raccoglimento a ricordare i loro cari scomparsi. Il bosco si trasforma e come per incanto diventa illuminato come se centinaia di folletti del bosco avessero deciso di uscire dalle loro tane con le lanterne a dare il benvenuto a tutti i visitatori. Anche la tomba della Divina Greta Garbo, stoccolmese di nascita, giace in questo meraviglioso bosco incantato. Sulla sua lapide compare, con molta sobrietà, la sua firma, nessuna data, e nessun epitaffio. Guidastoccolma.eu propone un tour notturno guidato al cimitero di Skogkyrkogården per partecipare alla cerimonia delle candele.
_________________________________
Il tour di Guidastoccolma.eu propone, oltre alla partecipazione alla cerimonia al cimitero Skogkyrkogården, anche una visita guidata alla città, con ingresso ai musei più significativi.
Dettagli:

Comunicato della “Leonardo Comunicazione”