Calabria citra in versi. Nel libro di Matteo Dalena, tra le dodici, anche una lirica sull'assedio normanno di Aiello

Il Quotidiano della Calabria del 29 febbraio 2012
Poesia di Matteo Dalena presentata a “Un Donato per tutti” (Aiello Calabro, Teatro Comunale, 26.12.2011) e dedicata alla magnifica gente di Aiello Calabro, picchì su “corazzuni” = gente dal grande cuore. Aiello Calabro, X secolo, il paese è assediato dalle armate saracene di Albucasim, Emiro di Amantea. Gli aiellesi, stremati dalla fame, ricorrono ad un singolare stratagemma per simulare opulenza e benessere nonstante l’assedio e scongiurano il pericolo. Un episodio leggendario diventa messaggio di speranza per l’oggi…

Appuntamenti letterari. Presentazione a Roma dell'antologia Le Città parlanti

ROMA – Il 9 marzo p.v., alle ore 18,30, sarà presentata a Roma, via Manlio Capitolino 7/9, un’antologia denominata: Città parlanti con i contributi offerti  per il Concorso  Roma per Roma, indetto dal Caffè letterario Mangiaparole
Tra i presenti, anche la collaboratrice di questo Blog, Gaetanina Sicari Ruffo, che aveva partecipato all’iniziativa con il racconto dal titolo: La luce siamo noi, ambientato nella capitale.

Aiello. La questione dei pozzi neri a tenuta stagna

AIELLO CALABRO. LA QUESTIONE DEI POZZI NERI (A “TENUTA STAGNA” OBBLIGATORI, AL POSTO DI QUELLI “A DISPERSIONE”…).

Riceviamo e pubblichiamo
di Salvatore Bruno Bossio
Salvo errori ed incomprensioni a causa di informazioni giuntemi in modo frammentario e non preciso e tecnico (dato che i miei abitano ad Aiello Calabro, in campagna, ed io personalmente non più già dal 2000…), mi è giunta voce del problema che stanno avendo i cittadini aiellesi abitanti nelle varie frazioni, tutte sprovviste di fognatura comunale, quindi la stragrande maggioranza degli aiellesi in quanto – come ben sappiamo tutti – Aiello è quasi tutto campagne, come numerosità della popolazione – e cioè che a sèguito di richiesta/comunicazione del Signor Procuratore della Repubblica di Paola (CS), inerente – credo – la cosiddetta “Legge Merli” (??), il tutto riguardo al fatto che sono tutti fuori-legge i pozzi neri “a dispersione”, ad oggi 100% della popolazione delle campagne aiellesi, e che tali pozzi neri devono essere del tipo a “tenuta stagna”….Ma dico:
a) siccome questi pozzi neri a “tenuta stagna”, oltre a comportare una grossa spesa per realizzarli, comportano una grossa spesa periodica per mantenerli, svuotarli, analizzarli, ecc. ecc.,
b) pare che quelli del tipo “IMHOFF” non vanno bene in quanto la provincia non riascerebbe il nulla osta previsto ed obbligatorio per la loro regolarità, poi si spenderebbe molto per le analisi periodiche, ecc. ecc.,
c) in questi tempi di CRISI ECONOMICA (mondiale, non solo europea, italiana, calabrese in particolare…), PUO’ GIUSTIFICARSI UNA SPESA DEL GENERE? E’ SOSTENIBILE? Io credo di NO in quanto le famiglie non riescono neppure ad arrivare alla secoda/terza settimana del mese 8figurarsi alla fine del mese!), sono tutti disoccupati, anche chi lavora non riesce ad essere pagato puntualmente…in altre parole è tutto fermo, bloccato…e non si vede soluzione a breve…
d) chiederei pubblicamente al Signor Sindaco di Aiello Calabro, Signor Franco Iacucci, Sindaco di TUTTI i propri concittadini aiellesi (sia di chi lo ha votato che di chi non lo ha fatto…), che qui con l’occasione saluto cordialmente (dobbiamo vederci da anni, escludendo una sola volta di sfuggita l’anno scorso ad un compleanno di un mio nipote…), di FARSI PROMOTORE PUBBLICAMENTE PRESSO CHI DI DOVERE (PROCURA, PROVINCIA, REGIONE…) E FARE PRESENTE CHE IN TUTTI GLI ALTRI PAESI DI QUESTA STORIA NEPPURE SI PARLA, E CHE PERTANTO NON POSSONO ESSERE COSI’ FORTEMENTE PENALIZZATI, IN TMPI DI FORTISSIMA CRISI, I CITTADINI DELLE CAMPAGNE DI AIELLO CALABRO….(EVENTUALE RACCOLTA FIRME, INTERROGAZIONI, ECC. ECC. … ANCHE IO SOTTOSCRITTO SALVATORE BRUNO BOSSIO MI METTO A DISPOSIZIONE PER TROVARE UNA SOLUZIONE AL PROBLEMA…I CITTADINI DI AIELLO NON POSSONO RESTARE ABBANDONATI A SE’ STESSI, IN BALIA DELLA BUONA O DELLA CATTIVA SORTE/FORTUNA, …!)…
e) con riserva di ritornare sull’argomento, mi scuso qui per gli immancabili errori (ho scritto di getto, badando alla SOSTANZA, ovviamente, anziché alla forma…), fretta, impegni, ecc. ecc. …,
f) PRIMA CHE I CITTADINI DELLE CAMPAGNE AIELLESI “ESCANO PAZZI”, SPENDANO SOLDI NON SOLO ALL’INIZIO (REALIZZAZIONE DELLE OPERE, PROGETTAZIONE PREVENTIVA, FORESTALE, ECC. ECC. ), MA ANCHE DOPO, PERIODICAMENTE, PER MANTENERE LE OPERE STESSE, RISPETTARE LE NORME ANTINQUINAMENTO, ECC. ECC…..INTERVENIRE E STABILIRE UNA LINEA CERTA, UNIVOCA, UGUALE PER TUTTI I PAESI E NON SOLO PER AIELLO CALABRO, IL MENO DISPENDIOSA POSSIBILE PER I CITTADINI (VISTI I TEMPI…)….

Ripeto, con riserva sin d’ora di ritornare sull’argomento…
SALVATORE BRUNO BOSSIO
(Libero Pensatore, Tecnico non politico)

Addì 27/02/2012.